LEGGERE i GEROGLIFICI

leggere i geroglifici-Francesca-Pontani-ArcheoTime.1

La civiltà egizia ha trasmesso un grande numero di documenti scritti.

Sono conservati principalmente su pietra e su papiro e gli argomenti sono molto vari.

I testi sono redatti con precisione e anche con raffinata sensibilità letteraria.

 

La lingua dell’antico Egitto

Tanto la lingua quanto la scrittura appaiono propri del paese del Nilo, non privi di rapporti con il mondo circostante. Notevoli furono quelli intercorsi con le antiche culture asiatiche, della Palestina, Siria, Mesopotamia; meno agevoli da cogliere quelli con il territorio africano di cui fa parte l’Egitto.

Qualche somiglianza è riscontrabile con le lingue cushitiche, parlate soprattutto dalle popolazioni non semitiche dell’Etiopia; con i dialetti berberi del Sahara; con lingue parlate attorno al lago Ciad.

La lingua dell’Egitto è unitaria, fino al sopravvento di dominazioni straniere, che impongono le loro lingue di Stato (aramaico con i Persiani; greco con i Tolomei e i Romani; arabo con l’lslam).

All’interno dell’egiziano, tanto nella lingua quanto nella scrittura, vi fu una continua trasformazione, velata, al pari delle variazioni locali (dialetti), dall’uniforme lingua nazionale.

Il periodo “aureo” per lo studio è rappresentato dalla XII dinastia, quando si crea un vero e proprio gusto classico.

L’egiziano non è né una lingua flessiva né agglutinante.

I rapporti dei concetti nella frase sono dati fondamentalmente dal significato dei vocaboli.

Il significato è integrato da preposizioni o loro derivati.

Per indicare i  diversi stadi della lingua si fa convenzionalmente uso dei termini adottati per la divisione della storia politica (Antico, Medio e Nuovo Regno), anche se in realtà sono nell’età di Amarna si promuove una struttura essenzialmente autonoma, che si contrappone all’egiziano classico: stiamo parlando de cosiddetto neo-egiziano.

Verso la fine della XXVI dinastia appare il demotico, affine al neo-egiziano, mentre il copto è l’egiziano usato sotto l’impero d’Oriente , ed è scritto soltanto con l’alfabeto greco modificato, manifestandosi in numerosi dialetti letterari (akhmimico e fayyumico, poi saidico e bohairico).

 

I principi della scrittura

La scrittura geroglifica si fonda su di una pluralità di principi che la rendono piuttosto complessa: parti fonetiche coesistono accanto a segni con valore ideografico ed altri ancora che non hanno un preciso riscontro nella lettura.

Il mondo riflesso dalla scrittura geroglifica è ovviamente quello che circondava gli Egiziani nel momento in cui la scrittura fu introdotta, all’inizio del III millennio a.C. e rimasto sostanzialmente immutato, almeno nei suoi caratteri essenziali, fino all’inizio della dominazione greca.

Accanto a segni che rappresentano esseri umani e divinità, parti del corpo ed edifici, strumenti del potere politico e religioso, vi è una grande quantità che raffigura in immagini di immediata e suggestiva evidenza il mondo agricolo.

Gli animali egli strumenti agricoli sono riprodotti con una cura per i particolari che solo l’occhio attento del contadino abituato ad un rapporto quotidiano con essi, sa cogliere ed apprezzare.

leggere i geroglifici-Francesca-Pontani-ArcheoTime.2

Un mondo dentro una iscrizione

Così, quando guardiamo un’iscrizione geroglifica, è tutto un mondo quello che scorre davanti ai nostri occhi, fatto di divinità e di sovrani, di uomini e di animali, di piante e di oggetti, e che molto ci dice su quella antica civiltà, non colta nelle sue manifestazioni più solenni, ma nella realtà della vita quotidiana.

Ma non va dimenticato che si tratta di una scrittura: e quando ci apprestiamo a leggerla dobbiamo ricordarci che quei segni, che ci appaiono così suggestivi per i loro valori pittorici e per la loro bellezza, hanno un legame molto indiretto con ciò che rappresentano.

 

Sul mio canale

youtube ArcheoTime

ho registrato dei mini video

sui principi essenziali di questa antica lingua:

QUI la playlist

ArcheoTime: https://www.youtube.com/c/ArcheoTime-archeologia

 

Il sistema linguistico egiziano

I segni geroglifici si possono classificare in almeno tre gruppi fondamentali, a seconda del ruolo che essi svolgono nel sistema:

  1. Segni fonetici
  2. Ideogrammi
  3. Ideogrammi determinativi.

scrittura egiziana

E’ una lingua che non scrive le vocali: ciò che noi ci troviamo di fronte non è altro che lo scheletro consonantico delle parole.

E in questo molto ha aiutato la lingua copta che invece per molte parole ha conservato le vocali e quindi noi sappiamo come si leggevano in egiziano antico.

 

 

 

STRUMENTI DI STUDIO

 

GRAMMATICHE

Allen, J.P. 2010(2ed.) Middle Egyptian: An Introduction to the Language and Culture of Hieroglyphs, Cambridge.

Ciampini, E.M. 2018 La lingua dell’antico Egitto, Milano.

Collier, M., Malley B. 2003 (e successive) Come leggere i geroglifici egizi. Manuale per imparare da soli. 

Donadoni, S. 1963 Appunti di grammatica egiziana, Milano.

Gardiner, A.H. 1957(3ed.) Egyptian Grammar, London.

Roccati, A. 2007 Introduzione allo studio dell’egiziano, Roma.

 

DIZIONARI

Erman, A., Grapow, H. 1926-1971 Wörterbuch der ägyptischen Sprache, voll. I-VII, Berlin.

Faulkner, R. O. 1962 A concise dictionary of Middle Egyptian, Oxford.

 

ORTOGRAFIA

Fischer, H.J. 1988 (3ed.) Ancient Egyptian Calligraphy. A Beginner’s Guide to Writing Hieroglyphs, New York.

 

LETTERATURA (Antologie)

Bresciani, E. 1990 Letteratura e poesia dell’Antico Egitto, Torino.

Donadoni, S.1967 La letteratura egizia, Milano-Firenze.

Lichteim, M. 1973 Ancient Egyptian Literature: A Book of Reading. Vol. I :The Old And Middle Kingdoms, Berkeley.

Lichteim, M. 1976 Ancient Egyptian Literature: A Book of Reading. Vol. II :The New Kingdom, Berkeley.

Lichteim, M. 1980 Ancient Egyptian : A Book of Reading. Vol. II :The Late Period, Berkeley.

 

 

Francesca Pontani

Copywriter & Storyteller & ContentEditor Sono un'archeologa che senza l'archeologia non vive: Archeologia e Comunicazione Web 3.0 per me sono vitali come l'aria! Professionista della comunicazione web mi occupo di promuovere il tuo brand attraverso storytelling coinvolgenti ed emozionali: attraverso parole, immagini e video. Per collaborazioni di lavoro: www.francescapontani.it Scrivo e Gestisco il blog del Museo Archeologico di Barbarano Romano: museoarcheologicobarbaranoromano.com & il mio blog archeotime.com Pubblico video on the road sul mio canale youtube ArcheoTime

Submit a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.