TESSERE LA SPERANZA. Il culto delle Madonne vestite nella Tuscia

Perché noi siamo materia, non solo spirito

Per Santa Rosa, il 4 settembre mattina, sono stata a vedere questa mostra: “Tessere la speranza. Il culto delle Madonne vestite nella Tuscia”.

Migliaia di persone per vedere la Macchina sul piazzale, tantissime persone in chiesa e in ogni luogo accessibile del monastero.

A me la folla e la massa di gente non piace. Però stoicamente (e a denti stretti), mentre procedevo tra uno spintone e l’altro per farmi spazio, per entrare nel monastero, ho riflettuto.

Ho pensato quanto un’idea, una devozione, un sentimento, una speranza possa smuovere migliaia di persone.

E questo obiettivamente da sempre. Fin dagli albori della nostra storia su questo pianeta.

Siamo materia,  non solo spirito. E quindi giustamente cerchiamo nella materia salvezza, conforto,  piacere. Perché maneggiando la materia cerchiamo quel contatto con il divino e il soprannaturale che è in tutti noi. Ma che riusciamo a vederlo solo interfacciandoci con qualcosa’altro che è al di fuori di noi.

L’esempio che principalmente mi viene in mente è l’antico Egitto. La statua del dio veniva svegliata tutte le mattine. Nutrita, lavata, vestita con abiti puliti. Custodita in un luogo “nascosto” e non visibile alle persone, ma accudita quotidianamente da personale del tempio investito di questo ruolo speciale. La statua del dio che poi compariva e appariva in tutto il suo splendore nel corso di processioni pubbliche durante le quali tutti i fedeli godevano (finalmente) di questo speciale privilegio.

Spero di non apparire irriverente: ma è un’associazione di idee e culturale per cercare di rendere più naturali e più vicini a noi anche gli antichi.

Noi, loro, tutti abbiamo la stessa ricerca del divino, proviamo le stesse emozioni di fronte all’ignoto soprannaturale che ci circonda. E da sempre proviamo a renderlo concreto, per meglio comprenderlo e farlo nostro nella vita quotidiana…

Mostra_Madonne_vestite_tessere_la_speranza_Viterbo

 

Il divino si manifesta nei secoli XVIII-XIX

Il culto delle Madonne vestite ha un’ampia diffusione soprattutto nei secoli XVIII e XIX, mentre nel XX secolo incontra l’opposizione più o meno esplicita di alcuni vescovi.

 

Bagnaia_Chiesa_di_Santa_maria_del_Rosario_dettaglio_viso.Francesca.Pontani.jpg

 

Le vestitrici: un onore eccezionale

Spesso affidate alle cure di Confraternite (come la Madonna delle Grazie di Capranica), le Madonne vestite sono accudite dalle vestitrici, donne delegate dalla comunità a compiere il rito della vestizione, vissuto con grande coinvolgimento emotivo e sentito come un eccezionale onore.

 

Canepina_Collegiata_di_Santa_Maria_Assunta.ph.Francesca.Pontani.Tessere_la_Speranza.jpg

 

Un abito nuovo o il proprio abito

La ritualità della vestizione consente un insolito avvicinamento tra il divino e l’umano ed è equiparabile ad una singola forma di preghiera che si può esprimere anche attraverso il dono alla Vergine di un abito nuovo o di un proprio abito.

Dai documenti di archivio sappiamo con certezza che la Madonna della Stella presso Oriolo Romano, ne aveva alcuni donati dalle principesse Altieri.

Negli abiti delle Madonne di Vignanello e Vallerano invece sono stati trovati cartellini cuciti con i nomi dei donatori e la data del dono.

 

Vetralla_Madonna_del_Rosario.ph.Francesca.Pontani.jpg

Rivelarsi nello splendore

La vestizione è solitamente un’operazione che si compie a porte chiuse, e al termine la Madonna si manifesta in tutta la sua bellezza al’intera comunità.

Ma non sempre.

In alcuni culti la Madonna vestita non è visibile, alle volte è occultata dietro un quadro (come a Vignanello), o chiusa in sagrestia (come a Vitorchiano), per poi rivelarsi nello splendore di abiti e gioielli in occasione delle festività a lei dedicate, prima sull’altare e poi lungo le strade nelle processioni.

 

Bagnaia_Chiesa_di_Santa_Maria_del_Rosario.ph.Francesca.Pontani.jpg

INFO

TESSERE LA SPERANZA. Il culto delle Madonne vestite nella Tuscia

Viterbo, Monastero di Santa Rosa (Sala del Quattrocento e Sala delle Colonne)

Dal 31 agosto al 26 ottobre 2019

Orari di visita:

9:30 – 12:30, 15:30 – 18:30

Ingresso libero

 

Valentano_chiesa_Santa_Maria_del_Gonfalone_della_CroceVignanello_Collegiata_di_Santa_Maria_della PresentazioneVallerano_Chiesa_di_Sant_Andrea_Apostolo.ph.Francesca.Pontani_madonne_vestite.jpg

Francesca Pontani

Copywriter & Storyteller & ContentEditor Sono un'archeologa che senza l'archeologia non vive: Archeologia e Comunicazione Web 3.0 per me sono vitali come l'aria! Professionista della comunicazione web mi occupo di promuovere il tuo brand attraverso storytelling coinvolgenti ed emozionali: attraverso parole, immagini e video. Per collaborazioni di lavoro: www.francescapontani.it Scrivo e Gestisco il blog del Museo Archeologico di Barbarano Romano: museoarcheologicobarbaranoromano.com & il mio blog archeotime.com Pubblico video on the road sul mio canale youtube ArcheoTime

Submit a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.