IL COLOMBARIO DI MONTE BISENZIO

                                                                                                              #AppuntiDisordinatidiViaggio

                                                                                                                                              25 Settembre 2015

AL DI LA’ DELLA REALE PERCEZIONE DELLA REALTÀ’

 

un Monte

un promontorio

uno strapiombo (pazzesco!) che si affaccia vertiginosamente sopra

un Lago

una natura verde e incontaminata…

una solitudine che non fa paura

il silenzio della natura

e

le energie (soprattutto quelle!) che solo un posto così antico ti fa percepire:

tutto questo è il Colombario di Monte Bisenzio, sul lago di Bolsena.

 

monte_bisenzio_colombario

 

E’ infatti quell’atmosfera surreale e fantastica che avvolge questo particolare luogo che lo rende speciale, e non è una mia personale impressione, no.

Con chiunque mi sono trovata a parlare di questo posto, tutti, proprio tutti, lo definiscono un posto che emana energia.

E poi guardare da quella “finestra” sul Lago è quasi come posare gli occhi su un altro mondo, un’altra dimensione, quasi la “porta” verso quella realtà aldilà della reale percezione della realtà.

monte_bisenzio_colombario_lago_di_bolsena

Io ci sono stata in una giornata di forte vento, e sporgere la testa fuori da quella “finestra” era un po’ come volare e un’onda di emozioni e meraviglia ti assalgono all’improvviso.

Poi la vista del lago così dall’alto e l’isola Bisentina…da molti considerata la porta per entrare nella misteriosa Agarthi (…chissà…).

Le migliaia di nicchie formano una trama incisa nella roccia vulcanica … dal potere quasi ipnotico…a me infatti girava un po’ la testa a guardarle.

Forse dentro queste nicchie scavate nella roccia un tempo venivano depositate le urne cinerarie dei defunti, ma oggi sono vuote.

monte_bisenzio_colombario_lago_di_bolsena_interno

… magia e paesaggi meravigliosi sul Lago di Bolsena: dei tesori di immenso valore spirituale, culturale, storico.

Monte Bisenzio ha ospitato diversi insediamenti umani: dapprima di epoca Villanoviana, poi un abitato etrusco (necropoli di VII-VI secolo a.C.), poi romano (il colombario).

dal canale youtube ArcheoTime

MONTE BISENZIO

Al Colombario di Monte Bisenzio ci si arriva attraversando a piedi un sentiero completamente immerso in un bosco di lecci secolari, il sentiero è attrezzato, nel senso che è segnalato dalla staccionata, ed è quella che bisogna tenere d’occhio e seguire per arrivare fin sotto, dove si trova l’ingresso al Colombario… sicuramente il più bello di tutta la Tuscia, completamente scavato nella roccia vulcanica.

Però massima attenzione quando ci si sporge dalla ”finestra”, mi raccomando vivamente, perché non c’è alcun sistema di protezione e si cade giù per un’altezza di 30-40 metri!!!

 

BISENZIO: la città etrusca

Il colombario di Bisenzio fa parte del territorio di quella città etrusca che si estendeva su tutto il territorio ai piedi del Monte, a pochi km da Capodimonte, città etrusca dinamica e fiorente tra il IX e V secolo a.C. sul Lago di Bolsena.

In epoca romana conosciamo questo insediamento come Visentium e con fortune alterne sopravvive nei secoli fino al suo definitivo abbandono che avviene all’inizio del XIX secolo a causa della malaria.

Da pochi mesi Capodimonte è protagonista di un grande progetto internazionale nel campo dell’archeologia, obiettivo è uno studio sistematico, moderno e interdisciplinare di tutta l’area intorno questo sito archeologico, purtroppo finora troppo poco noto al pubblico e fuori dalla cerchia degli specialisti ( ideatore e coordinatore del Progetto Bisenzio è il Dott. Andrea Babbi).

Del dinamismo culturale della comunità residente a Bisenzio ci resta memoria negli articolati e ricchi oggetti funebri e di uso quotidiano che possiamo andare a vedere nei musei di Viterbo, di Villa Giulia a Roma, del Museo Etrusco Gregoriano in Vaticano e in diversi musei stranieri: tutti reperti ritrovati sul Monte Bisenzio, lungo le sue pendici e in tutta la zona circostante.

In epoca romana sappiamo che questo antico insediamento viene definito Visentium; per l’epoca etrusca non abbiamo documentazione e neanche per l’epoca precedente l’orizzonte etrusco. Quello che però sappiamo con sicurezza è che sulla sommità del monte Bisenzio almeno a partire da una fase avanzata del Bronzo Finale (fine II millennio a.C.) vi era un insediamento stabile, quindi delle costruzioni, delle abitazioni e una continuità di vita di un gruppo umano.

La particolarità del sito, che per comodità definiamo Bisenzio, è che a differenza degli altri siti dell’Etruria meridionale interna, l’insediamento del Bronzo Finale non sembra avere un’eclissi, una decadenza, ma sembra continuare ininterrottamente ancora nell’epoca successiva, dunque nell’età del ferro, all’inizio del I millennio a.C. e questa è una particolarità che l’insediamento di Bisenzio condivide con gli insediamenti più importanti, localizzati però non in questa zona più interna, ma presso la costa.

QUINDI

Capodimonte, Bisenzio, il Lago di Bolsena un territorio che offre tesori unici a livello paesaggistico, naturalistico, storico, culturale e archeologico!

Francesca Pontani

Copywriter & Storyteller & ContentEditor Sono un'archeologa che senza l'archeologia non vive: Archeologia e Comunicazione Web 3.0 per me sono vitali come l'aria! Professionista della comunicazione web mi occupo di promuovere il tuo brand attraverso storytelling coinvolgenti ed emozionali: attraverso parole, immagini e video. Per collaborazioni di lavoro: www.francescapontani.it Scrivo e Gestisco il blog del Museo Archeologico di Barbarano Romano: museoarcheologicobarbaranoromano.com & il mio blog archeotime.com Pubblico video on the road sul mio canale youtube ArcheoTime

7 comments

  • Grazie francesca per avermi riportato alla mia vivace fanciullezza,quando salivamo “al monte”,per pasquetta si giocava,si cercavano tracce dei nostri antenati fantasticando,si guardava in lontananza il nostro paese che ci sembrava lontano da raggiungere a piedi o in bici, la sera stanchi,ma felici ci divertivamo con poco.ciao

    Piace a 1 persona

    • grazie a te per aver letto il mio articolo. sì questo è un posto davvero bello e speciale, da lassù la veduta del lago è spettacolare! la pasquetta lassù deve essere davvero bella

      Mi piace

  • Ciao Francesca, grazie per li tuo lavoro, ti posso suggerire (sicuramente lo conoscerai) di andare a vedere i ruderi del tempio umbro romano di Monte TorreMaggiore sopra Cesi (TR), magari in una bella giornata tersa.
    Sono ansioso di leggere il tuo prossimo articolo.
    Grazie
    Giampaolo Grillo

    Piace a 1 persona

    • grazie Giampaolo! e grazie del suggerimento! perché il sito di Monte Torre Maggiore non lo conoscevo… ho dato velocemente un’occhiata su google ed è un posto bellissimo! sicuramente con il periodo primaverile-estate andrò a fare un’escursione 🙂

      Mi piace

Submit a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...