LA TOMBA GRANDE A CASTEL D’ASSO

LA TOMBA GRANDE a CASTEL D’ASSO

Castel d’Asso, necropoli etrusca a pochi passi da Viterbo

“Qui sembra proprio di entrare dentro la Terra. Di entrare dentro quel banco di tufo che, a nastro, delimita tutta la vallata. Il passaggio è stretto e crea proprio un effetto di viaggio al centro della Terra. E poi quando esci, e vai verso la luce esterna, quasi una rinascita. E a pieni polmoni respiri l’aria e il Sole”.

tomba_grande_castel_dasso_viterbo

CASTEL D’ASSO

Castel d‘Asso fu l’antica Axia, citata da Cicerone nel Pro Caecina (VII, 20) e sorge al punto di incontro di due profonde valli che si sono formate dall’erosione prodotta dal Riosecco e dal Freddano.

Qui la necropoli etrusca si sviluppò lungo le ripide scarpate dei canaloni, e il periodo di massima fioritura è collocato cronologicamente tra IV e II secolo a.C.

castel_dasso_necropoli_etrusca_viterbo

LA NECROPOLI

A differenza delle altre necropoli rupestri dell’Etruria, Castel d’Asso presenta una netta concentrazione delle tombe a facciata in un’unica zona: per circa 250 metri il fianco settentrionale della vallata del Freddano è occupato da queste strutture di epoca etrusca, esattamente difronte all’estremità dell’acropoli, su cui sorge il castello medievale (di cui è oggi visibile la torre).

Le tombe a facciata sono distribuite in altezza su tre ordini, dei quali quello superiore è più esteso e sviluppato rispetto agli altri due.

UNA PRECISA SCELTA

La visione “scenografica” della necropoli etrusca dall’alto della città dei vivi ci comunica la decisione di una precisa scelta di carattere urbanistico, per quanto riguarda il suo posizionamento spaziale. Una deliberata scelta che ben spiega sia l’isolamento della necropoli rupestre nel quadro dei sepolcreti della città così come la sua subordinazione ai percorsi stradali più importanti.

Fondamentale fu il ruolo svolto dai due tracciati stradali che partivano dall’antica città di Castel d’Asso diretti uno verso Musarna e Tuscania, l’altro, più antico, verso il piano di Viterbo e il lago di Bolsena.

E’ così che la piccola valle adempiva ad una insostituibile funzione di passaggio per l’attraversamento della valle del Freddano.

castel_dasso_viterbo_valle-del-freddano_necropoli_etrusca
i resti delle strutture di epoca medievale

STRAORDINARIAMENTE SUGGESTIVA

La sequenza di tombe rupestri scolpite sui due fianchi della piccola valle è straordinariamente suggestiva: le tombe si snodano a nastro assumendo quasi il valore di monumento, nel senso latino del termine, ossia di proiezione all’esterno, verso i sopravvissuti, dei contenuti ideologici e religiosi che sono propri dell’architettura funeraria etrusca.

castel_dasso_necropoli_etrusca_viterbo_veduta
veduta della necropoli dall’altodell’acropoli, dove si trova la torre medievale

LA TOMBA GRANDE: una Tomba a Dado

Nella necropoli di Castel d’Asso le tombe fornite di facciata sono in tutta la necropoli 69. Il tipo più diffuso è quello della tomba a dado semplice, con vano di sotto-facciata.

L’esempio più grandioso di questa classe è rappresentato dalla cosiddetta “Tomba Grande”, che proprio per le sue dimensioni gigantesche attira da sempre l’attenzione di tutti gli studiosi che si occupano di questa necropoli etrusca.

castel_dasso_viterbo_tomba_grande_dromos
ingresso al vano di sotto-facciata

Aperto eccezionalmente verso l’esterno con tre porte di ingresso, il vano di sotto facciata della tomba presenta un tetto esternamente scolpito a tegole, chiara imitazione di un tetto reale.

castel_dasso_viterbo_tomba_grande_assonometria.jpg
ricostruzione dello stato originario della “Tomba Grande”

14 SARCOFAGI

Attraverso un enorme corridoio si entra nella camera che conserva ancora sul posto ben 14 sarcofagi, ma il numero complessivo doveva superare certamente la quarantina.

castel_dasso_viterbo_tomba_grande_resti_di_sarcofagi

La “porta” di ingresso

all’ambiente di sotto-facciata:

castel_dasso_viterbo_tomba_grande_porta_di_ingresso

 

Magnifica è la visione uscendo

dall’oscurità della stanza verso l’esterno:

castel_dasso_viterbo_tomba_grande_verso_fuori

Francesca Pontani

Copywriter & Storyteller & ContentEditor Sono un'archeologa che senza l'archeologia non vive: Archeologia e Comunicazione Web 3.0 per me sono vitali come l'aria! Professionista della comunicazione web mi occupo di promuovere il tuo brand attraverso storytelling coinvolgenti ed emozionali: attraverso parole, immagini e video. Per collaborazioni di lavoro: www.francescapontani.it Scrivo e Gestisco il blog del Museo Archeologico di Barbarano Romano: museoarcheologicobarbaranoromano.com & il mio blog archeotime.com Pubblico video on the road sul mio canale youtube ArcheoTime

6 comments

Submit a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...