MUSEO DEL VICINO ORIENTE, EGITTO E MEDITERRANEO A “LA SAPIENZA” DI ROMA

dal canale youtube ArcheoTime

MUSEO DEL VICINO ORIENTE, EGITTO E MEDITERRANEO A “LA SAPIENZA” DI ROMA

Il Museo del Vicino Oriente, Egitto e Mediterraneo si trova a Roma, all’interno della Città Universitaria de La Sapienza, nell’edificio dell’Aula Magna e Rettorato.

Lo scopo della sua creazione è stato quello di realizzare una testimonianza dei risultati ottenuti sul campo da più di trenta missioni archeologiche della Sapienza in quindici diversi paesi del Vicino Oriente, del Mediterraneo e dell’Africa durante più di cinquant’anni.

I reperti archeologici esposti nel museo sono sia reperti originali che copie e questo perché gli originali devono restare nei paesi dove sono stati ritrovati.

Il percorso espositivo ripercorre le più profonde radici della cultura del bacino del Mediterraneo fino alla nascita della città, all’invenzione della scrittura e alla creazione delle più antiche istituzioni culturali umane: religione, potere, economia, storia, arte e letteratura.

Il cranio modellato e i primi mattoni da Gerico Neolitica (8500-7000 a.C.); le cretule e la tomba del principe con tutto il corredo di armi e gioielli da Arslantepe (3300-3000 a.C.); le asce di Batrawy (2400 a.C.); il capitello a volute dal palazzo dei re di Giuda a Ramat Rahel (VIII secolo a.C.); l’Ossuario di Simonide (I secolo d.C.); l’ossidiana di Pantelleria; le stele e le urne del Tofet di Mozia (VII-VI secolo a.C.); la statuina di dio itifallico da Monte Sirai (III secolo a.C.).

Nella sezione sull’Egitto: il piatto del primo faraone della II Dinastia, Hotepsekhemui; i calchi di Tuya, madre di Ramses II; i ritratti di due faraoni, uno dei quali, ligneo; il rilievo di Sheshonq (copia), l’altissimo dignitario della XXVI Dinastia, titolare di una delle più grandi tombe di Tebe; i ricchissimi materiali da Antinoe; la statua di leone e i preziosi ritrovamenti dal Palazzo eretto dal re Nakatamani (I secolo d.C.) di Meroe al Jebel Barkal (Napata).

Infine, estremamente ricche ed interessanti le testimonianze dell’Egitto cristiano copto da Tamit e, soprattutto, da Sonqi Tino in Nubia.

L’ARTICOLO COMPLETO su MediterraneoAntico, anno 2015, n.3 pag.114

L’ARTICOLO COMPLETO su Academia.edu

egitto_e_vicino_oriente-francesca-pontani.jpg
l’ingresso del Museo

 

egitto_e_vicino_oriente_francesca-pontani.jpg
l’interno del Museo

 

egitto_e_vicino_oriente_francesca-pontani.jpg
Sonqi Tino, Nubia (X secolo d.C.)

 

egitto_e_vicino_oriente_francesca-pontani.jpg
riproduzione della cretula ritrovata ad Arslantepe (Malatya, Turchia, inizio IV millennio a.C.)
egitto_e_vicino_oriente_francesca-pontani.jpg
dal Palazzo di Natakamani, Nubia (I secolo d.C.)

 

egitto_e_vicino_oriente_francesca-pontani.jpg

 

Francesca Pontani

Copywriter & Storyteller & ContentEditor Sono un'archeologa che senza l'archeologia non vive: Archeologia e Comunicazione Web 3.0 per me sono vitali come l'aria! Professionista della comunicazione web mi occupo di promuovere il tuo brand attraverso storytelling coinvolgenti ed emozionali: attraverso parole, immagini e video. Per collaborazioni di lavoro: www.francescapontani.it Scrivo e Gestisco il blog del Museo Archeologico di Barbarano Romano: museoarcheologicobarbaranoromano.com & il mio blog archeotime.com Pubblico video on the road sul mio canale youtube ArcheoTime

Submit a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...