LE PALAZZINE

“I feel free in time

Fall depths with me miles apart

In light, we solve our own lives,

In time, you breach the brighter parts

In light, we fall”

 

Camminando e guardando il silenzio nella luce. Tutto il resto del mondo scompare e inizia un tempo diverso.

Un tempo diverso fatto di felci che stanno lì chissà da quanto, e da radici che si aggrappano al tufo, o lo abbracciano, chissà.

Le_Palazzine_Tuscia_Rupestre.Parco_Marturanum.Francesca.Pontani

Il tufo, così delicato, dentro il quale cadi e, sbirciando dentro, trovi i letti di deposizione sui quali, con grande dolore e compassione amorosa, chissà chi ha deposto lì il proprio caro.

Le_Palazzine_Tuscia_Rupestre_Parco_Marturanum.Francesca.Pontani.3

Il proprio adorato marito, il proprio giovane figlio, la propria dolce mamma, i propri meravigliosi nonni… ma noi di loro non sappiamo più nulla… solo il loro ultimo luogo di vita terrena e nessun nome o indizio su chi fossero nella vita di tutti i giorni o cosa facessero nelle loro giornate.

Sono luoghi mistici, questi, però muti.

Sono muti perché delle loro esistenze personali non conosciamo nulla… i corredi avrebbero parlato a noi per vece loro… ma gli uomini hanno razziato tutto, proprio tutto, fino all’ultimo pezzettino e, ora, restano solo letti e stanze vuote, e nient’altro che un’atmosfera onirica (quella sì!) che come in un incantamento ti porta e ti trasporta in un tempo diverso.

Un tempo diverso che ti fa riavvicinare alla Storia e alla Natura, la natura e la storia della Tuscia rupestre… sarà grazie a tutto questo verde, a tutta questa ombra, a tutta questa luce tra le foglie… a tutto questo tufo.

Le_Palazzine_Tuscia_Rupestre_Parco_Marturanum.Francesca.Pontani2

Questo tufo scavato sono le cosiddette “Palazzine” tombe etrusche a semi-dado del VI secolo a.C.

Si trovano all’interno del Parco Regionale Marturanum e la loro principale caratteristica è di avere in facciata delle porte allineate, che danno così accesso ad altrettante camere funerarie con soffitto a spioventi e letti per la deposizione dei defunti scolpiti nella roccia, nel tufo.

(le foto by Francesca Pontani)

Francesca Pontani

Copywriter & Storyteller & ContentEditor Sono un'archeologa che senza l'archeologia non vive: Archeologia e Comunicazione Web 3.0 per me sono vitali come l'aria! Professionista della comunicazione web mi occupo di promuovere il tuo brand attraverso storytelling coinvolgenti ed emozionali: attraverso parole, immagini e video. Per collaborazioni di lavoro: www.francescapontani.it Scrivo e Gestisco il blog del Museo Archeologico di Barbarano Romano: museoarcheologicobarbaranoromano.com & il mio blog archeotime.com Pubblico video on the road sul mio canale youtube ArcheoTime

Submit a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...