SAN GIOVENALE

“il senso del viaggio

è la meta,

è il richiamo”

Il richiamo dell’Etruria interna è il richiamo della bellezza naturale, dei corsi d’acqua, di un’archeologia che dà incantamento.

San_Giovenale_Barbarano_Romano_Francesca.Ceci.3jpg

Un incantamento in un luogo piccolo.

Un luogo piccolo dove però è concentrata tutta la Tuscia:

Etruria

mistero

fascino

archeologia

Etruschi

e Medioevo

stanno tutti qui,  a San Giovenale.

San_Giovenale_Barbarano_Romano_Francesca.Ceci.5jpg

A San Giovenale tumuli in stile ceretano, necropoli rupestri, tombe a camera con dromos molto stretto, vie cave tagliate nel tufo, un castello medievale, una piccola “Via degli Inferi” (nella collina di sinistra), una città etrusca sopra la castellina: tutto questo in poco spazio.

San_Giovenale_Barbarano_Romano_Museo_Francesca.Ceci 8

Infatti San Giovenale è uno degli esempi più suggestivi delle cosiddette “castelline” dell’Etruria meridionale: cioè un’area sopraelevata, difesa naturalmente, che aveva una tagliata molto stretta di accesso, difesa (in questo caso) dal fiume Vesca che vi scorre vicino, lungo i fianchi.

San_Giovenale_Barbarano_Romano_Museo_Francesca.Ceci10

E fu proprio questa posizione sulla rupe tufacea a forma di mezzaluna, difesa naturalmente, che portò la famiglia dei Di Vico ad erigervi un castello, nel Trecento, e i resti della piccola chiesa Alto Medievale dedicata al Vescovo Martire di San Giovenale da Narni.

Necropoli e Acropoli (in parte occupata dal Castello) difese e divise dal Vescenei/Vescu, il fiume Vesca che scorre lungo uno strapiombo naturale, un vero e proprio canyon.

San_Giovenale_Barbarano_Romano-Francesca.Ceci

E’ proprio così che la natura e l’archeologia ti fanno stare bene, ti fanno sognare ad occhi aperti… sul bordo di un torrente, senza dire una parola, con lo sguardo che si apre e con lui si apre anche la natura che compare tra gli alberi.

San_Giovenale_Barbarano_Romano_Museo_Francesca.Ceci.7jpg

Il fascino di San Giovenale negli anni passati fu immenso, tanto che negli anni ’50 e ’60 giunse qui a scavare lo stesso re Gustavo Adolfo VI di Svezia, seguito dagli assistenti, dalla sua stessa famiglia e da archeologi di grande spessore internazionale: un periodo d’oro per la Tuscia di Viterbo, finalmente conosciuta e valorizzata al livello internazionale.

E qui venne a scavare anche Ira Marvin Levin, lo scrittore de “I ragazzi venuti dal Brasile”, anche lui grandissimo appassionato di archeologia e di San Giovenale.

Poi, però, tutto tornò nell’oblio…

San_Giovenale_Barbarano_Romano_Museo_Francesca.Ceci 9

(le foto by Francesca Ceci)

Francesca Pontani

Copywriter & Storyteller & ContentEditor Sono un'archeologa che senza l'archeologia non vive: Archeologia e Comunicazione Web 3.0 per me sono vitali come l'aria! Professionista della comunicazione web mi occupo di promuovere il tuo brand attraverso storytelling coinvolgenti ed emozionali: attraverso parole, immagini e video. Per collaborazioni di lavoro: www.francescapontani.it Scrivo e Gestisco il blog del Museo Archeologico di Barbarano Romano: museoarcheologicobarbaranoromano.com & il mio blog archeotime.com Pubblico video on the road sul mio canale youtube ArcheoTime

Submit a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...