FESTIVAL DEGLI ETRUSCHI. IL MUSEO ARCHEOLOGICO DI BARBARANO ROMANO: GLI ETRUSCHI DELL’ENTROTERRA

Barbarano_Romano_Museo_Francesca_Pontani

domenica 13 SETTEMBRE 2015 ore 12.00 presso la Sala Regia del Palazzo dei Priori a Viterbo (Piazza del Plebiscito)

la mia relazione:

IL MUSEO ARCHEOLOGICO DI BARBARANO ROMANO: GLI ETRUSCHI DELL’ENTROTERRA

l’evento rientra nei tre giorni del Festival degli Etruschi organizzato a CaffeinaCultura:

IL PROGRAMMA del FESTIVAL DEGLI ETRUSCHI

ORA PER ORA tutti gli APPUNTAMENTI del FESTIVAL DEGLI ETRUSCHI

Gli Etruschi devono tornare a un ruolo principe

I Pirati della Bellezza

Dobbiamo essere avventurieri estetici, funamboli culturali, conquistatori di futuro

Arrivano i pirati della Bellezza

I Pirati della Bellezza conquistano la Tuscia

FOTOGALLERY

Attraverso i reperti esposti dentro questo piccolo Museo Archeologico si può ripercorrere e mettere a fuoco la cultura e la storia degli Etruschi che hanno vissuto nel territorio intorno all’attuale borgo di Barbarano Romano, un territorio caratterizzato da una sua specificità storica, economica e culturale.

Le onoranze funebri, in particolare, rappresentano l’occasione nella quale la comunità sottolinea, nel modo più completo e significativo, la somma delle identità sociali che costituiscono la posizione di ciascuno dei suoi membri.

La storia della cultura figurativa etrusca ha come filo rosso quello costituito dalla mentalità, dalle ambizioni, dall’avidità, dalle paure dei princeps tirrenici. Né poteva essere altrimenti se, come ha scritto Ranuccio Bianchi Bandinelli, l’arte “è espressione della libertà delle classi dominanti”.

Dalle prime tombe emergenti dall’età del Ferro fino ai cimeli come la “sedia Corsini” (tarda età repubblicana che “imita” i troni dei re etruschi), questo filo rosso, avvolto intorno a genealogie mitiche e reali e imbevuto di sete di dominio si presenta intessuto di linguaggio greco.

Se tra l’” offerta” di cultura fenicia, espressa tra IX e VII secolo a.C., e quella quasi greca, il mondo etrusco ha optato proprio per quella greca, ciò è avvenuto per la maggiore omogeneità di strutture economiche di fondo tra mondo etrusco e mondo greco.

Il continuo imprestito all’Etruria di tecnologie agrarie (la vite, l’ulivo) provenienti dalla Grecia, e in primo luogo dalle colonie greche d’Occidente, che è proceduto di pari passo con lo scambio mercantile e con l’esportazione negli empori etruschi di manodopera artigianale, ha portato con sé inevitabilmente anche un cambiamento culturale e di forme ideali: ma questo non ha finito per trasformare l’Etruria in una società “greca”.

del Museo di Barbarano Romano ne avevo già parlato QUI anche con un VIDEO

Viterbo, Palazzo dei Priori, Sala Regia

Francesca Pontani

Copywriter & Storyteller & ContentEditor Sono un'archeologa che senza l'archeologia non vive: Archeologia e Comunicazione Web 3.0 per me sono vitali come l'aria! Professionista della comunicazione web mi occupo di promuovere il tuo brand attraverso storytelling coinvolgenti ed emozionali: attraverso parole, immagini e video. Per collaborazioni di lavoro: www.francescapontani.it Scrivo e Gestisco il blog del Museo Archeologico di Barbarano Romano: museoarcheologicobarbaranoromano.com & il mio blog archeotime.com Pubblico video on the road sul mio canale youtube ArcheoTime

2 comments

Submit a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...