LA TOMBA DEI DEMONI ALATI DI SOVANA

video dal canale ARCHEOTIME

La Tomba dei Demoni Alati di Sovana è stata scoperta pochi anni fa, nell’autunno del 2004, a pochi metri dalla Tomba di Ildebranda e dalla Tomba Pola, dentro il Parco Archeologico “Città del Tufo” del comune di Sorano. Grazie agli scavi archeologici subito effettuati si è riusciti a recuperare la decorazione scultorea della tomba, ricostruendo così le forme originarie del monumento. Durante il crollo avvenuto almeno 300 anni fa, infatti, il frontone si è distaccato rovesciandosi e durante i secoli la terra ha ricoperto tutto, creando una sorta di protezione.

Il tema è quello del viaggio del defunto verso l’oltretomba. Nel frontone è raffigurata una figura alata di una Scilla perfettamente conservata e sotto al frontone si trova una nicchia arcuata, al cui interno è raffigurata la statua del defunto banchettante su di un Kline (letto funebre) che tiene in mano la coppa della libagione, tutto questo di fronte alla porta dell’Ade.

la_tomba_dei_demoni_alati_sovana_copyright_francesca
Tomba dei Demoni alati. Veduta della nicchia scavata nel tufo con all’interno il defunto sdraiato.
(copyright Francesca Pontani)

La tomba è datata alla seconda metà del III secolo a.C. e tutto si presenta come un maestoso blocco scavato nel tufo raffigurante la facciata di un edificio ad edicola. La cosa eccezionale è che la statua del defunto è ancora decorata con parte del rivestimento policromo.

la_tomba_dei_demoni_alati_sovana_copyright_francesca
Tomba dei Demoni alati. Sulla statua del defunto si individuano tracce di decorazione policroma.
(copyright Francesca Pontani)

Due statue rappresentanti due demoni alati femminili erano posizionate ai lati della nicchia centrale, mentre sul frontone emergeva un rilievo raffigurante un demone marino, alato e con code pisciformi, identificabile con Scilla o Tritone. Ai lati della facciata, poste su due podi, vi erano due sculture a tutto tondo, solo quella di sinistra si è conservata e raffigura un leone.

tomba_dei_demoni_alati_sovana_copyright_francesca
Tomba dei Demoni alati. La splendida figura del demone marino, alato e con la coda pisciforme aspirale.
(copyright Francesca Pontani)
tomba_dei_demoni_alati_sovana_copyright_francesca
Tomba dei Demoni alati. La splendida figura del demone marino, alato e con la coda pisciforme aspirale.
(copyright Francesca Pontani)

SCILLA-TRITONE E VANTH

Oggi i resti di questa tomba etrusca sono protetti sotto la tensostruttura.

Sul lato sinistro è possibile ammirare il frontone ad alto rilievo, collocato, prima del crollo, sulla parte alta del monumento. Vi campeggia un imponente demone marino, alato con code pisciformi, identificabile con Scilla o Tritone che mostra il braccio destro alzato a brandire il remo o il timone di una nave.

la_tomba_dei_demoni_alati_copyright_francesca
Tomba dei Demoni alati. dettaglio della coda a spirale del demone interpretato come Scilla o Tritone.
(copyright Francesca Pontani)
la_tomba_dei_demoni_alati_sovana_copyright_francesca
Tomba dei Demoni alati. Dettaglio del corpo del demone marino.
(copyright Francesca Pontani)

Sulla destra, tra vari blocchi decorati, si erge una scultura quasi a tutto tondo, identificabile con Vanth. Si tratta di un demone femminile alato, messaggero di morte, rappresentato di solito con la fiaccola, necessaria per illuminare il percorso oscuro che porta nell’Aldilà e la pergamena arrotolata, dove è scritto il destino del defunto.

tomba_dei_demoni_alati_sovana_copyright_francesca_pontani8
Tomba dei Demoni alati.
Statua a tuttotondo femminile identificata con Vanth.
(copyright Francesca Pontani)

IL VIAGGIO DEL DEFUNTO

La tomba, disposta al centro di una terrazza, si presenta come un grandioso blocco cubico ricavato nel tufo, sulla cui fronte è scavata la facciata di un edificio ad edicola con un profondo vano centrale. All’interno di questa nicchia è scolpito un personaggio in posizione semi sdraiata su un letto funebre che tiene nella mano destra la coppa della libagione. Eccezionale è la presenza della originaria policromia che si è conservata a seguito del crollo del frontone, verificatosi in epoca antica. Infatti, la parte sommitale del monumento, collassando nell’area di fronte all’edicola, ha di fatto sigillato la nicchia e protetto l’immagine del defunto. Ai lati della nicchia (su alti piedistalli) erano collocate due statue, delle quali una è Vanth, mentre dell’altra si conserva solo la porzione inferiore del corpo. A protezione del sepolcro erano infine due sculture a tutto tondo poste su alti podi, di cui è ben conservata quella di sinistra, raffigurante un leone.

Della camera sepolcrale sottostante all’edicola e depredata in antico, è visibile parte del corridoio di accesso.

Se vuoi approfondire: SOVANA TOMBA DEI DEMONI ALATI

Il Parco Archeologico “Città del Tufo”

Francesca Pontani

Copywriter & Storyteller & ContentEditor Sono un'archeologa che senza l'archeologia non vive: Archeologia e Comunicazione Web 3.0 per me sono vitali come l'aria! Professionista della comunicazione web mi occupo di promuovere il tuo brand attraverso storytelling coinvolgenti ed emozionali: attraverso parole, immagini e video. Per collaborazioni di lavoro: www.francescapontani.it Scrivo e Gestisco il blog del Museo Archeologico di Barbarano Romano: museoarcheologicobarbaranoromano.com & il mio blog archeotime.com Pubblico video on the road sul mio canale youtube ArcheoTime

3 comments

Submit a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...