GLI AFFRESCHI DI PALAZZO SPRECA A VITERBO

dal mio canale youtube ArcheoTime

GLI AFFRESCHI DI PALAZZO SPRECA

Gli affreschi che decoravano il salone principale di Palazzo Spreca a Viterbo in questi giorni sono esposti dentro la Chiesa di San Silvestro a Piazza del Gesù: sono degli affreschi che qualche anno fa sono stati staccati illegalmente e messi in vendita da un antiquario, ma recentemente recuperati dalla Procura della Repubblica di Viterbo. Dipinti che sono attualmente sotto sequestro e assegnati in custodia giudiziaria al Museo Civico di Viterbo.

DIPINTI DA UN ANONIMO INTORNO AL 1480

Gli affreschi di Palazzo Spreca rappresentano un ciclo di 14 Virtù profane dipinti da un anonimo a datati al 1470-1480: immagini che stilisticamente affondano le radici nella fase terminale dell’età medievale ma che allo stesso tempo già colgono i tratti e le innovazione del Rinascimento.

Vennero asportati da una sala di Palazzo Spreca, in via Santa Maria Egiziaca, e recuperati a Spoleto dentro l’abitazione di un antiquario.

Poco tempo prima, infatti nell’ottobre 2012, questo antiquario aveva esposto gli affreschi alla Biennale internazionale dell’antiquariato di Palazzo Venezia a Roma, probabilmente alla ricerca di un acquirente.

Ma è a questo punto che entra in scena il Prof. Enzo Bentivoglio che li vede e si ricorda di averli studiati da giovane su un libro di storia dell’arte. Dopo una breve ricerca il Prof.Bentivoglio riesce a verificare che erano stati “strappati” da Palazzo Spreca ed è a questo punto che rende pubblico il fatto. Immediatamente partono le indagini che ne dispongono il sequestro e l’affidamento al Museo Civico di Piazza Crispi a Viterbo.

L’antiquario ha sempre sostenuto di averli ereditati dal padre, ma secondo alcune testimonianze raccolte dagli investigatori, gli affreschi sarebbero stati al loro posto fino al 1995. Da qui la sua iscrizione nel registro degli indagati per ricettazione e violazione delle norme sulla tutela del patrimonio storico-artistico.

LE VICENDE STORICHE DI PALAZZO SPRECA 

Nel 1910 un funzionario della Soprintendenza ai Monumenti del Lazio, Antonio Muñoz aveva descritto questi affreschi e aveva pubblicato anche alcune fotografie del salone che ospitava il ciclo pittorico. Nella prima metà del XVII secolo il palazzo, insieme ad altri edifici ed aree vicine, era stato acquistato e trasformato in Ricovero delle Convertite insieme all’annessa chiesa di Santa Maria Egiziaca, detta poi del Buon Pastore, dall’ordine delle suore che successivamente vi abitarono fino all’ultimo dopoguerra.

Ciò era stato possibile grazie ad un consistente lascito testamentario del 7 ottobre 1624 del viterbese Federico Paoloni, il cui stemma, ancora visibile su via Santa Maria Egiziaca e su via della Marrocca, indica e delimita gli edifici dell’intero complesso.

Nel 1910 dal demanio del Fondo per il Culto chiesa e monastero erano stati ceduti al Comune di Viterbo con l’espresso obbligo di conservarne tutte le caratteristiche storiche ed artistiche. Nonostante le disposizioni di legge, che ne vietavano la cessione a privati, in due momenti diversi, proprio la chiesa e una parte del monastero (comprendente anche il salone affrescato di Palazzo Spreca) furono ceduti a privati che misero in atto una progressiva e sconvolgente trasformazione sia della chiesa che del salone Spreca.

Con il distacco delle solo 14 Virtù affrescate erano state distrutte quasi totalmente le circostanti fasce ornamentali.

fino al 31 gennaio 2015

ore: 10.00-18.00

Piazza del Gesù, Viterbo

ingresso gratuito

Francesca Pontani

Copywriter & Storyteller & ContentEditor Sono un'archeologa che senza l'archeologia non vive: Archeologia e Comunicazione Web 3.0 per me sono vitali come l'aria! Professionista della comunicazione web mi occupo di promuovere il tuo brand attraverso storytelling coinvolgenti ed emozionali: attraverso parole, immagini e video. Per collaborazioni di lavoro: www.francescapontani.it Scrivo e Gestisco il blog del Museo Archeologico di Barbarano Romano: museoarcheologicobarbaranoromano.com & il mio blog archeotime.com Pubblico video on the road sul mio canale youtube ArcheoTime

Submit a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...