LE NUOVE SCOPERTE ARCHEOLOGICHE DI KARKEMISH

karkemish_siria_turchia
Karkemish

Muri scolpiti, bassorilievi, sculture, fregi del 900 a.C.: sono meraviglie archeologiche di inestimabile quelle scoperte a Karkemish dalla missione archeologica congiunta italo-turca che qui lavorano dal 2011.

karkemish_siria_turchia
geroglifici incisi su una lastra di calcare, una delle recenti scoperte a Karkemish.
(dal sito http://www.nbcnews.com/science/science-news/archaeologists-find-ancient-wonders-near-isis-stronghold-n249341)

KARKEMISH

Karkemish è un sito archeologico nella Turchia sud-orientale al confine con la Siria, della quale conosciamo l’importanza politica, economica e strategica già nel III millennio a.C. attraverso i testi di Ebla e nella prima metà del II millennio a.C. dai testi di Mari.

Nel 1600 a.C. Karkemish diventa parte del regno di Mitanni e nel 1350 a.C. viene conquistata dal re hittita Shuppiluliuma, che vi insedia uno dei suoi figli come viceré della zona siriana del vasto impero Hittita.

I re di Karkemish del XIII secolo a.C. sono ancora menzionati negli archivi di Ugarit ed Emar, a testimonianza della sua importante posizione sullo scacchiere della politica del Vicino Oriente. Crollato l’impero Hittita, Karkemish mantiene il ruolo di principale centro Neoittita, dal XII all’VIII secolo a.C.

La conquista NeoAssira di Sargon II (717 a.C.) segna la fine dell’indipendenza di questa città-Stato, ma allo stesso tempo non ne mina l’importanza strategica tanto che Karkemish riveste un ruolo importante anche sotto gli assiri, infatti fu il luogo della battaglia tra egiziani e babilonesi nel 605 a.C.

karkemish_siria_turchia
l’antica città di Karkemish, al confine turco-siriano.
(dal sito http://oltre-la-notte.blogspot.it/)

LE NUOVE SCOPERTE ARCHEOLOGICHE

Quelle fatte quest’anno sono

scoperte come se non se ne facevano da 50 anni

sottolinea emozionato Nicolo’ Marchetti, direttore della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici dell’Università di Bologna e responsabile della missione a Karkemish, che sabato scorso, insieme al sindaco di Gaziantep, Fatma Sahin, e ad Hasan Peker, docente dell’Università di Istanbul, ha presentato alla stampa gli straordinari risultati della campagna di scavo di quest’anno.

Quello dell’antica città di Karkemish è un “sito leggendario, un posto dove lavorò anche Lawrence d’Arabia per conto del British Museum di Londra:

posto a cavallo dei due Paesi, 55 ettari in Turchia e 35 in Siria, con la ferrovia e il reticolato del confine che tagliano in due la città antica“.

karkemish_siria
I resti della casa utilizzata da Woolley e Lawrence durante gli scavi archeologici a Karkemish del 1911.
(dal sito http://oltre-la-notte.blogspot.it/)
karkemish_siria_turchia
in questa foto del 1913 vediamo il rinvenimento di una lastra scolpita a Karkemish che viene mostrata da T.E. Lawrence (D’Arabia) a sinistra e a destra da Sir C.L. Woolley.
(dal sito: http://www.archeolog-home.com/)

KARKEMISH IN UNA POSIZIONE STRATEGICA NEI TEMPI ANTICHE COME AI GIORNI NOSTRI

Proprio questa sua collocazione strategica portò nel 1920 le forze armate turche a realizzare presso l’antico sito una base militare, tuttora operativa, con tanto di caserma sulla cima dell’acropoli e carri armati accanto alle aree di scavo.

Una presenza che ora risulta molto gradita e “utile” visto che dall’altra parte del confine sono arrivati gli jihadisti sunniti dello Stato islamico (Isis), che tuttavia finora non hanno creato problemi alla missione archeologica. Tranne in un’occasione l’anno scorso, quando si sono verificati scontri al confine

non abbiamo mai avuto contatti, anche se ci ‘vediamo’ tutti i giorni“, Commenta il Prof. Marchetti.

LA CREAZIONE DI UN PARCO ARCHEOLOGICO

Dopo lo sminamento dell’area (concluso nel 2011) e la creazione di sentieri e attrezzature per la visita turistica, verrà costruito anche un muro alto 4 metri e lungo quasi 2 chilometri lungo il confine, una struttura prefabbricata che si incastra, portata direttamente sul sito in treno. Questo perché in questa zona vogliono creare un parco archeologico che faccia anche da volano all’economia locale ricchissima di attrattive turistiche che vanno dall’enogastronomia al trekking. L’apertura è prevista per la fine di maggio 2015.

Per Approfondire: “Karkemish an ancient Capital on the Euphrates

Le pubblicazioni del Prof.Marchetti

Ritorno a Karkemish: le nebbie del tempo

L’articolo originale

Francesca Pontani

Copywriter & Storyteller & ContentEditor Sono un'archeologa che senza l'archeologia non vive: Archeologia e Comunicazione Web 3.0 per me sono vitali come l'aria! Professionista della comunicazione web mi occupo di promuovere il tuo brand attraverso storytelling coinvolgenti ed emozionali: attraverso parole, immagini e video. Per collaborazioni di lavoro: www.francescapontani.it Scrivo e Gestisco il blog del Museo Archeologico di Barbarano Romano: museoarcheologicobarbaranoromano.com & il mio blog archeotime.com Pubblico video on the road sul mio canale youtube ArcheoTime

Submit a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...