ADRIANO E LA GRECIA. VILLA ADRIANA TRA CLASSICITÀ ED ELLENISMO.

video dal canale Youtube ArcheoTime

villa_adriana
Testa ritratto colossale di Adriano, ritrovata nell’Agorà di Atene (130-140 d.C.).
Esposta nella mostra a Villa Adriana, di solito la si può ammirare nel Museo Archeologico Nazionale di Atene.
copyright Francesca Pontani.

Dal sito RaiCultura. Arte&Design: IL VIDEO SULLA MOSTRA a Villa Adriana: Adriano e la Grecia. Villa Adriana tra classicismo ed ellenismo

La mostra: Adriano e la Grecia. Villa Adriana tra Classicità ed Ellenismo, a Villa Adriana (Tivoli) è in corso, ancora per poche settimane. E’ una piccola mostra allestita nel casale accanto al Canopo, ma molto interessante perché segue come filo rosso conduttore il rapporto dell’Imperatore Adriano con la cultura dell’Antica Grecia che media e, in certi casi, trasforma anche quei riferimenti e quei rimandi all’Antico Egitto.

La mostra analizza come la villa di Tivoli rispecchi la Grecia come Adriano la vedeva e la conosceva e ripercorre come in un gioco di specchi le testimonianze presenti in Grecia e le rielaborazioni che l’imperatore propone nella sua Villa.

La Villa di Adriano a Tivoli è il manifesto più eloquente della propaganda politica dell’imperatore, perché nei luoghi, nei contesti e nelle opere della Villa stessa si ritrova la memoria storica e il presente di cui si alimenta la raffinata cultura intellettuale di Adriano [la mia recensione a questo magnifico parco archeologico].

cariatidi_villa_adriana
Le cariatidi di Villa Adriana. L’Imperatore le volle posizionare lungo il bordo della vasca del Canopo e sono la copia voluta ed intenzionale delle Cariatidi dell’Eretteo di Atene.
Copyright Francesca Pontani.
testa_colossale_di_adriano
Testa ritratto colossale di Adriano dall’Agorà di Atene.
copyright Francesca Pontani.

ATENE

Il punto di partenza è Atene che costituisce per Adriano il luogo della sua formazione politico-culturale e il luogo dove più tardi l’imperatore avrà l’importante esperienza dell’Arcontato.

L’eccellente resa dei lineamenti del penetrante volto dell’imperatore dall’Agorà di Atene, mostra come le repliche non fossero eseguite in maniera meccanica, ma imprimessero, invece, nelle numerose “repliche” quel guizzo di naturalezza ed espressività.

villa_adriana_vibia_sabina
Ritratto di Vibia Sabina dopo la morte.
Questa statua di marmo venne ritrovata a Villa Adriana, presso la cosiddetta Piazza d’Oro.
copyright Francesca Pontani

SABINA

Numerose sono le immagini della moglie dell’Imperatore Adriano, Vibia Sabina. I  busti e le statue ci hanno tramandato l’immagine di questa donna, ma sono soprattutto le emissioni monetali che ci forniscono i maggiori dettagli sull’evoluzione politica-sociale di Sabina.

In particolare attraverso la numismatica riusciamo a seguire la vita della moglie di Adriano a partire dall’anno della titolatura di Augusta (128 d.C.) fino all’epoca della divinizzazione (137-138 d.C.).

E’ all’ultimo periodo della ritrattistica di Sabina che viene assegnata la statua-ritratto qui in mostra, caratterizzata dal capo velato e che rappresenta un’immagine idealizzata di Vibia Sabina, dopo la sua morte. Soprattutto elemento caratteristico è l’elaborato nodo di trecce ritorte al di sopra della fronte, abbinato ad una crocchia bassa, come indica anche l’andamento del mantello in corrispondenza della nuca.

busto_di_antinoo_villa_adriana
Busto di Antinoo da Patrasso esposto nella mostra a Villa Adriana, di solito è possibile ammirarlo ad Atene nel Museo Archeologico Nazionale.
copyright Francesca Pontani.

ANTINOO

Antinoo, il giovane originario della Bitinia e amato da Adriano. Fu l’imperatore a far realizzare un ritratto da venerare, e da amare, dopo la sua morte che avvenne nelle acque del Nilo. Come in questo esemplare in mostra.

Il volto è ideale, l’espressione è classicistica di eterna giovinezza, ed era caratterizzato da pochi, ma riconoscibili tratti con quel lieve e accennato esotismo: bocca carnosa con labbro superiore sporgente, mento arrotondato, naso largo e dritto, sopracciglie folte come la capigliatura in un disordine apparente con le ciocche a virgola un po’ di qua e un po’ di la’, però compatta come quella degli eroi omerici morti “romanticamente” prima del tempo.

sfinge_villa_adriana
Questa sfinge in marmo proconnesio è stata scoperta pochi anni fa nell’area della cosiddetta Palestra di Villa Adriana.
copyright Francesca Pontani.

ADRIANO  E L’EGITTO

Adriano amava l’Egitto. Infatti fece un lungo viaggio navigando il Nilo accompagnato dalla moglie e da un ampio seguito (tra cui faceva parte anche Antinoo dove morì annegato), e si fece ritrarre anche nelle vesti di faraone.

Questa sua passione per l’Egitto si manifesta anche nella residenza di Tivoli che infatti presenta una serie di luoghi e ambientazioni ispirate all’antico Egitto. Dalla cosiddetta Palestra, per esempio, oltre alle sculture di sacerdoti isiaci, rinvenute già a partire dal ‘500, vi è stata recentemente scoperta una sfinge di marmo Proconnesio.

emiciclo_del_canopo_di_villa_adriana_fratelli_alinari
L’emiciclo del Canopo di Villa Adiana in una foto dei Fratelli Alinari del 1958.

IL CANOPO

Nella descrizione della villa contenuta nella Historia Augusta, Elio Sparziano nomina il Canopo, il famoso canale sul Delta del Nilo, che viene ormai riconosciuto da tutti nel lungo specchio d’acqua che termina con un padiglione absidato forse con funzione di Ninfeo.

Se questo è stato considerato a lungo il luogo egizio per eccellenza, sono poche, però, le sculture di soggetto egizio provenienti con certezza dal Canopo, peraltro realizzate secondo i canoni dell’arte ellenistica.

villa_adriana_canopo
L’arredo scultoreo di Villa Adriana. Queste statue decoravano il Canopo.
copyright Francesca Pontani.

L’ARREDO SCULTOREO

L’immensa residenza imperiale di Tivoli era arricchita da numerose statue, rilievi e vari elementi decorativi di marmo la cui alta qualità ed eleganza rendevano accoglienti le sale, i giardini, i porticati.

La disposizione delle sculture sembra che dipendesse da una scelta progettuale organica operata dall’imperatore stesso. Inoltre sembra ci fosse un’intenzionale associazione tra determinati tipi statuari a specifici contesti, come la statua del Doriforo rinvenuta nelle Piccole Terme. Ma accanto ad atleti ed eroi erano presenti anche le divinità come Atena, Afrodite, Apollo e gallerie di ritratti della famiglia imperiale.

In generale, comunque, la maggior parte della statuaria denota una prevalente ispirazione dall’arte greca di età classica, soprattutto per i capolavori del V secolo a.C.

amazzone_di_fidia_villa_adriana
L’arredo scultoreo che decorava Villa Adriana.
Questa è una copia in marmo delll’Amazzone di Fidia, era posizionata presso il Canopo.
copyright Francesca Pontani.

LUOGO: Antiquarium del Canopo-Tivoli, Area Archeologica di Villa Adriana-Largo Marguerite Yourcenar, 1

ORARIO MOSTRA

  • 10.00 – 18.00 (dal 1° ottobre all’ultimo sabato di ottobre)
  • 10.00 – 16.30 (dall’ultima domenica di ottobre al  2 novembre)
  • Apertura Area Archeologica ore 9.00; chiusura 30’ dopo la chiusura della mostra

La biglietteria chiude un’ora e mezza prima della chiusura dell’Area Archeologica

BIGLIETTO: 11 € intero; 7 € ridotto, fatte salve le agevolazioni previste dal regolamento di ingresso ai luoghi della cultura italiani.

INFORMAZIONI: +39 0774382733 + 39 06 39967900

SITO UFFICIALE DI VILLA ADRIANA

Francesca Pontani

Copywriter & Storyteller & ContentEditor Sono un'archeologa che senza l'archeologia non vive: Archeologia e Comunicazione Web 3.0 per me sono vitali come l'aria! Professionista della comunicazione web mi occupo di promuovere il tuo brand attraverso storytelling coinvolgenti ed emozionali: attraverso parole, immagini e video. Per collaborazioni di lavoro: www.francescapontani.it Scrivo e Gestisco il blog del Museo Archeologico di Barbarano Romano: museoarcheologicobarbaranoromano.com & il mio blog archeotime.com Pubblico video on the road sul mio canale youtube ArcheoTime

One comment

Submit a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...